Assegni di studio: 30 novembre scadono le richieste d’iscrizione al 1° anno di università

30novembreAllo scopo di darne la massima diffusione, riportiamo un estratto della comunicazione aziendale in relazione alla scadenza domande assegni di studio.
Con l’occasione vi ricordiamo che potete consultare anche la nostra guida in materia (click qui) e che la nostra esperta Claudia Stoppato e a vostra disposizione per approfondimenti e consulenze personalizzate.

Scade il 30 novembre il termine entro cui inviare le domande per i figli dei colleghi relative all’anno accademico 2014/2015
L’Ufficio Amministrazione del Personale informa che è attivo fino al 30 novembre l’applicativo “Richiesta assegni di studio”, disponibile nella nostra Intranet selezionando l’icona Intesap e seguendo il percorso Employee Self Service > Sportello Dipendente, per l’inserimento delle richieste di iscrizione al 1° anno di università 2014/2015 (no 1° anno di specialistica).

I colleghi in possesso dei requisiti, che al momento avessero soltanto “salvato e non ancora inviato” la richiesta, devono provvedere a terminare l’operazione entro il 30 novembre; dopo tale termine, le richieste nello stato “Salvata”, non dando titolo al beneficio, non saranno prese in considerazione.
La modalità di invio in formato cartaceo dovrà essere utilizzata solo in caso di impossibilità all’utilizzo della procedura online (es. personale lungo assente o privo di accesso all’Intranet). Il Personale in servizio dovrà tassativamente inviare la richiesta utilizzando l’applicativo online.
Lo stesso applicativo resterà invece disponibile fino al 28 febbraio 2015 per l’inserimento delle domande relative all’anno accademico 2013/2014 (conguaglio 1° anno e anni successivi). Ulteriori informazioni sono disponibili nell’allegata news Intranet pubblicata lo scorso 5 novembre.
Per eventuali esigenze di assistenza operativa e gestionale è attivo il Ticket Web (box Help Desk dell’home page Intranet > Ticket Web > selezionare > PERSONALE/INTESAP e Problema > X05- AdP ASSEGNI DI STUDIO).

31/12: SCADENZA PERMESSO FRAZIONATO (PCR)

pcrVi ricordiamo che l’utilizzo del Permesso Frazionato (PCR) deve essere utilizzato inderogabilmente entro il 31 dicembre 2014. Se non utilizzato nell’arco dell’anno, la giornata di PCR si perde e non verrà monetizzata.

Per tutti i dettagli, potete consultare la nostra guida sulle Ferie ed ex festività.

CCNL: il comunicato unitario che lancia la mobilitazione

STOPVerificata l’indisponibilità di ABI a rimuovere le pregiudiziali avanzate e non sussistendo le condizioni per proseguire il confronto, le Segreterie Nazionali hanno interrotto il negoziato ritenendo inderogabile – come già annunciato – il ricorso alla consultazione dei lavoratori, la mobilitazione della categoria con le opportune iniziative da avviare anche nei gruppi e nelle aziende sino allo sciopero generale le cui modalità saranno unitariamente stabilite nelle prossime settimane.

CLICK QUI PER TUTTI I DETTAGLI

SCIOPERO

CCNL. Megale: categoria mobilitata, sciopero generale a gennaio

SCIOPERODopo la rottura delle trattative tra sindacati e Abi per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro, “la Fisac Cgil si mobilita assieme a tutte le Organizzazioni del Credito, con la costruzione di un vasto programma di assemblee con l’indicazione dello sciopero generale da realizzare a gennaio”. E’ quanto afferma il segretario generale della categoria dei lavoratori del credito della Cgil, Agostino Megale.
“Questa mattina – spiega il dirigente sindacale – abbiamo dovuto registrare da parte di Abi la conferma delle sue posizioni, senza quel cambiamento radicale che avevamo richiesto, a partire dal superamento della pregiudiziale d’intervento sul costo del lavoro, ovvero scatti d’anzianità e Tfr. Proprio per questo – prosegue -, nel riconfermare le priorità della nostra piattaforma, abbiamo detto a chiare lettere all’associazione dei banchieri che il permanere di questo atteggiamento pregiudiziale impedisce una trattativa ed un negoziato fondato sulla pari dignità”.
Da qui, aggiunge Megale, “la rottura delle trattative voluta nei fatti da ABI e la costruzione di un programma di assemblee con l’indicazione dello sciopero generale da realizzare nel mese di gennaio. Ricordo che il contratto nazionale di lavoro rappresenta la carta costituzionale per tutti i lavoratori e lavoratrici del settore e che siamo in campo, e ci batteremo unitariamente, per conquistare il rinnovo del contratto“.

#contrattobancari

Basta violenza sulle donne

basta-violenzaTramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG a organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica in quel giorno. L’Assemblea Generale dell’ONU ha ufficializzato una data che fu scelta da un gruppo di donne attiviste, riunitesi nell’Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi, tenutosi a Bogotà nel 1981. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. (da Wikipedia)

LA FISAC/CGIL DI INTESA SANPAOLO SOSTIENE TUTTE LE INIZIATIVE VOLTE A CREARE UNA VERA, DIFFUSA E RADICATA CULTURA DI RISPETTO E A ELIMINARE DEFINITIVAMENTE L’INTOLLERABILE BARBARIE DELLA VIOLENZA SULLE DONNE.

Conto Sociale: comunicazione aziendale sullo stato dei pagamenti

conto socialeCome d’uso, allo scopo di darne la massima diffusione, pubblichiamo un estratto della news aziendale in relazione ai pagamenti rimborsi conto sociale.

L’Amministrazione del Personale segnala che attualmente sono numerose le pratiche che si trovano nello stato “Inserita” all’interno della procedura per l’inserimento delle richieste di rimborso spese figli (POVS2).
I motivi per cui le pratiche si trovano in tale stato, verificabile con la funzione “ricerca movimenti”, sono:
- pratica verificata con errori, che viene restituita al collega perché apporti le correzioni a lui comunicate con email automatica
pratica inserita per la prima volta, per la quale il collega ha effettuato solamente il salvataggio premendo il pulsante “Salva”.
In entrambi i casi, affinché la pratica possa essere valutata per il pagamento, è necessario che venga inviata in lavorazione premendo l’apposito pulsante “Invia alla lavorazione”.
L’Amministrazione del Personale ricorda inoltre che con la funzione “ricerca movimenti” è possibile verificare lo stato delle proprie pratiche:
“in pagamento”, indica che la richiesta, rispettando tutti i requisiti previsti, è stata approvata e il relativo importo verrà rimborsato con il primo cedolino utile
“comunicato payroll”, indica che la richiesta approvata è stata trasmessa al sistema paghe e verrà liquidata con lo stipendio del mese in corso
“pagata”, indica che il rimborso tramite busta paga è già avvenuto.

Per i colleghi che hanno selezionato opzioni di utilizzo che comprendono anche il rimborso delle contribuzioni versate al Fondo Sanitario di Gruppo o alla propria Posizione di previdenza complementare, la procedura osserverà periodi di chiusura per il dettaglio dei quali occorre consultare il documento Conto Sociale – Modalità di utilizzo pubblicato nella nostra Intranet nella sezione dedicata al Premio sociale.
Per eventuali chiarimenti in merito al conto sociale, aprire Ticket Web al percorso PERSONALE/INTESAP > PREMIO SOCIALE ACCORDO 6 MAGGIO 2014 e selezionare poi la categoria di proprio interesse.

Così non va! Verso lo Sciopero Generale del 12

Sciopero12dic_001Dalla data inizialmente prevista del 5 dicembre lo Sciopero Generale è stato posticipato al 12 dicembre. E a scioperare insieme alla Cgil ci sarà anche la Uil. Lo slogan scelto dalle due Confederazioni è ‘Così non va!’ per esprimere contrarietà circa le scelte del governo e sostenere le proposte sindacali in merito alla riforma della Pubblica Amministrazione, Jobs Act, Legge di Stabilità e Politica economica.

CLICK QUI PER I DETTAGLI

Direttivo FISAC: pronti alla mobilitazione sul CCNL!

direttivo fisac 18 e 19 novembreIl Sindacato unitariamente ha chiesto ad ABI un cambio radicale, da verificare nel prossimo incontro del 25 novembre; ove ABI non modificasse il proprio atteggiamento, il Direttivo Nazionale FISAC/CGIL ritiene indifferibile la mobilitazione della categoria, a difesa dei diritti delle Lavoratrici e dei Lavoratori.
Per questo, al permanere delle posizioni di ABI, il Direttivo Nazionale FISAC/CGIL dà mandato alla Segreteria Nazionale:

  • di riaffermare i contenuti della Piattaforma come punto di ripresa del negoziato;
  • di ribadire l’impraticabilità di ogni percorso negoziale, al permanere delle pregiudiziali espresse da ABI;
  • di dichiarare la mobilitazione della categoria e mettere in atto tutte le iniziative utili a battere le posizioni dell’associazione bancaria, dal blocco dei negoziati nelle Aziende e nei Gruppi, a manifestazioni allo Sciopero Generale, avviando un percorso di assemblee in ogni posto di lavoro, al fine di informare le Lavoratrici ed i Lavoratori, di coinvolgerli ed ottenerne il convinto mandato, necessario al buon esito della vertenza. La mobilitazione dovrà essere supportata da iniziative, in forma anche nuova, che rappresentino al Paese le reali responsabilità del management e dei banchieri rispetto allo stato di crisi del settore.
  • di realizzare, così come finora è avvenuto, dalla costruzione della Piattaforma alla posizione manifestata unitariamente al tavolo del negoziato, l’opportuna unitarietà d’azione con le altre OO.SS. di categoria, all’interno della quale meglio definire le forme della mobilitazione che si dovranno mettere in atto.

CLICK QUI PER IL TESTO COMPLETO DEL DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL DIRETTIVO NAZIONALE FISAC DEL 18 E 19 NOVEMBRE

Modifiche Comparti garantiti dei Fondi Pensioni FAPA e Sanpaolo IMI: approfondimenti e scadenze

GIAMPIERO RECCAGNI25/11/2014   Fondo Pensioni Gruppo Intesa Sanpaolo (FAPA): modifiche al compartoLinea Garantita TFR”
Le modifiche decorrono dal 1 dicembre 2014 e il comparto assumerà in via provvisoria la denominazione “Linea TFR+”. Tali modifiche, volte a migliorare la redditività del comparto, prevedono l’eliminazione della garanzia di capitale, che alla luce dei rendimenti storici non sembra generare un significativo valore aggiunto, e di conseguenza la riduzione degli oneri di gestione e l’aumento delle probabilità di generare rendimenti pari o superiori a quelli del TFR su orizzonti pluriennali e, al tempo stesso, proteggere il capitale.
Pertanto:

  • gli iscritti che avevano espressamente scelto la Linea Garantita TFR”, per mantenere il comparto “Linea TFR+” non devono fare nulla; naturalmente potranno adottare nuove forme di investimento tramite procedura switch;
  • gli iscritti “silenti”, cioè che versano tacitamente solo il TFR alla Linea Garantita TFR”, per mantenere il comparto “Linea TFR+” devono far pervenire al Fondo entro il 25 novembre 2014 il “Modulo di conferma del comparto”, altrimenti la posizione sarà trasferita al comparto “Linea Assicurativa No Load”;
  • gli iscritti al Fondo alla data del 30/6/2007 con versamento di contribuzione ma con conferimento tacito di tutto o parte del TFR alla Linea Garantita TFR”, per mantenere il comparto “Linea TFR+” devono far pervenire al Fondo entro il 25 novembre 2014 il “Modulo di conferma del comparto”, altrimenti la posizione sarà trasferita al comparto “Linea Assicurativa No Load”.

Il modulo è reperibile su Intranet–Persona–Welfare-Previdenza complementare- Fondo Pensioni Gruppo Intesa Sanpaolo. Per informazioni, è possibile telefonare al Call Center 0230329329, comunicando il proprio codice posizione.
Inoltre è stata aperta una finestra di switch straordinario, dal 1° novembre al 20 febbraio 2015, indipendentemente da eventuali altri switch effettuati nei dodici mesi precedenti,

 

25/11/2014   Fondo Pensioni Gruppo Sanpaolo Imi: modifiche al “Comparto Garantito”
In base al Regolamento Isvap, il Fondo dovrà adeguare il tasso minimo garantito (TMG), riducendolo dall’attuale 2,50% al 1,50%, con contestuale adeguamento della base demografica aggiornata alla più lunga prospettiva della durata media della vita, del Comparto Garantito e dei comparti chiusi EX IMI 60 O EX IMI 65.
Tali modifiche saranno operative dai contributi di gennaio e non avranno alcun impatto sui diritti acquisiti sulle posizioni individuali ed ai contributi già versati alla data di introduzione delle nuove condizioni.
Pertanto è stata aperta una finestra di switch straordinario, dal 5 al 25 novembre 2014, indipendentemente da eventuali altri switch effettuati nei dodici mesi precedenti, per gli iscritti che destinano i flussi contributivi in questi comparti assicurativi per eventualmente modificare la propria scelta ed per tutti coloro che fossero interessati di destinare parte o tutta la posizione individuale nel Comparto Garantito ancora alle attuali condizioni (TMG pari al 2,5% e tavola demografica IPS55) che permarranno fino al riscatto o in caso di scelta della rendita assicurata.
Per confermare il Comparto Garantito non occorre fare nulla.
Per informazioni www.fondopensionisanpaoloimi.it

 

Vi ricordiamo che per approfondimenti e consulenze personalizzate potete consultare
il nostro esperto Giampiero Reccagni

CLICK QUI PER IL PROMEMORIA SCADENZE IN FORMATO STAMPABILE

Expo 2015 e Intesa Sanpaolo: al via il programma “Volontari per un Giorno”

expo-300x130Come preannunciato, e allo scopo di darne la massima diffusione, vi riportiamo la news aziendale con le istruzioni su come candidarsi in qualità di volontario a EXPO 2015

I colleghi potranno candidarsi per uno dei 26 lunedì compresi dal 1° maggio al 31 ottobre 2015.
Intesa Sanpaolo, in qualità di Global Official Partner, offre la possibilità a 100 colleghi del Gruppo di candidarsi come volontari ad Expo per collaborare nelle attività di accoglienza e supporto ai visitatori e ai partecipanti della manifestazione. Per svolgere queste attività è necessaria la conoscenza della lingua inglese a un livello intermedio.

L’impegno previsto sarà della durata di 5 ore e mezza su due turni (mattina e pomeriggio) e i volontari, per le ore restanti, potranno visitare l’esposizione “Expo 2015″.   I colleghi dovranno segnalare il loro interesse entro il prossimo 21 novembre cliccando qui.
I primi 100 candidati riceveranno comunicazione di conferma con allegato il link per accedere alla piattaforma dedicata a Expo per formalizzare l’iscrizione e per scegliere, sulla base della disponibilità dei posti, il lunedì desiderato. Inoltre sarà possibile consultare il materiale di autoformazione con tutte le informazioni su “Expo 2015″.
Circa un mese prima del lunedì prescelto, il candidato verrà contattato dalla Segreteria organizzativa di Expo che comunicherà l’assegnazione del turno, orario e luogo di incontro.   
Vista l’eccezionalità dell’evento, per la giornata di “volontariato” verrà concesso un permesso retribuito (non  è previsto alcun rimborso spese).

CLICK QUI PER LE REGOLE DI INGAGGIO

Dalla StraTorino allo sciopero del 5 dicembre: è tutta una corsa…

Ecco una ristretta selezione di immagini della partecipazione della FISAC alla StraTorino, una della varie iniziative in preparazione dello sciopero generale del 5 dicembre.

 

La nuova guida all’Indennità di rischio

guida indennità d irischioLa nostra esperta Claudia Stoppato ha redatto la nuovissima guida all’indennità di rischio.
A chi viene pagata? A quanto ammonta? Come vengono conteggiate le maggiorazioni? E in caso di part time? O di malattia?
Nella guida all’indennità di rischio troverete tutte le risposte a queste e moltissime altre domande. E inoltre, come sempre, Claudia è a vostra disposizione per approfondimenti e consulenze personalizzate.

CLICK QUI PER ACCEDERE ALLA GUIDA