Archivi categoria: IS Personal Finance

ISPF: PRESENTAZIONE PROGETTO EVOLUZIONE RETE DIRETTA

Il progetto di sviluppo della Rete Diretta ISPF : 

  • la creazione di un gruppo di esperti per i prodotti ISPF a supporto della Banca e la definizione di uno specifico MODELLO DI SERVIZIO

  • l’ ampliamento del portafoglio dei prodotti per favorire ulteriori sviluppi commerciali

  • industrializzazione dell’approccio commerciale alla clientela extra captive

  • la ristrutturazione della Rete Diretta per favorire una maggiore vicinanza fisica con la BdT(Area e Regioni) ed una più coerente copertura territoriale

 

CLICCA QUI
PER Presentazione evoluzione ret ISPF lug 2014

“TDB: dialogo sui diritti” aperiodico a cura RSA ISPF CARISBO

  • IL I° NUMERO DELL’ APERIODICO “TABLEAU DE BORD: DIALOGO SUI DIRITTI”, LA DICHIARAZIONE D’ INTENTI
  • PARLIAMO DI PERFORMER: QUALCHE SPUNTO DI RIFLESSIONE
  • RINNOVO CCNL, COMINCIANO LE ASSEMBLEE PER LA PRESENTAZIONE DELLA PIATTAFORMA DEI  LAVORATORI E DELLE LAVORATRICI DEL CREDITO: DI COSA PARLIAMO, DOVE E QUANDO
  • 1 MAGGIO FESTA DEL LAVORO E DEI LAVORATORI E IL RICORDO DI PORTELLA DELLA GINESTRA
  • SPAZIO LIBERO: VUOI CONTRIBUIRE CON IDEE, DOMANDE , NOTIZIE, CONSIDERAZIONI? QUESTO E’ LO SPAZIO GIUSTO PER TE!

TDB dialogo sui diritti
TDB immage

ISPF: incontro semestrale

Semestrale ISPF- Clicca quiSemestrale ISPF le valutazione  dell’Azienda sui risultati raggiunti nel 2013 e i futuri propositi:
  • ottima riuscita dell’operazione di integrazione societaria
  • significativi segnali di ripresa della parte del credito al consumo extracaptive che evidenziano un trend positivo
  • investimenti sulla formazione e l’esperienza di Nextperiance
  • valorizzazione del merito e delle competenze
Abbiamo apprezzato l’ orientamento aziendale  ma auspichiamo che ai presupposti seguano atteggiamenti e azioni  coerenti e abbiamo espresso le nostre osservazioni su alcuni temi :
  • Part time
  • Richieste di trasferimento
  • Organizzazione del lavoro
  • Pulizia degli Uffici
LA LETTERA: abbiamo consegnato all’Azienda una lettera con la quale richiediamo la disponibilità a trovare una soluzione per tutti i colleghi/e che in passato, non avendo potuto accedere al plafond, hanno acceso un mutuo per l’acquisto della prima casa presso una Banca del Gruppo: la fedeltà al Gruppo deve premiare non penalizzare!

#sciopero: le iniziative a Bologna

Vi segnaliamo due importanti iniziative che si svolgeranno a Bologna il 30 e il 31 ottobre 2013 :

30 OTTOBRE 2013 presidio a Bologna con distribuzione di volantini alla cittadinanza:

in Piazza Minghetti dalle ore 13 alle ore 15 

( in caso di pioggia sotto al portico delle sede di Bologna della Carisbo, in via Farini nr.22)iniziative Bologna

31 OTTOBRE 2013 presidio a Ravenna, in concomitanza con lo sciopero generale dei lavoratori del credito

in Piazza Garibaldi alle ore 10,30  di fronte alla Cassa di Risparmio di Ravenna la banca del presidente dell’ Abi

I lavoratori e le lavoratrici che vorranno partecipare possono comunicare la loro adesione alle OSL

#sciopero clicca qui per le iniziative a Bologna

ABI DISDETTA: QUALI SONO LE CONSEGUENZE?

ABI didetta Lo sciopero del 31 ottobre deve essere la risposta di tutta la categoria: dobbiamo mostrarci uniti e mostrare una
netta opposizione alla strada intrapresa da ABI e dalle Banche. Crediamo che l’ABI e le Banche debbano fare
delle serie riflessioni sulle reali capacità dimostrate dai manager nel creare valore e non limitarsi a scaricare sui lavoratori il peso della crisi.

Vi invitiamo a partecipare tutti alle assemblee territoriali per approfondire questi temi.

Per il territorio di Bologna le assemblee si svolgeranno con il seguente calendario:
Bologna sede ISPF e NEOS, personale full time e part time:
Giovedì 24 Ottobre 2013 dalle ore 8.30 alle 10.30, presso il Cinema Galliera, via Matteotti 25 Bologna
Bologna Filiale ISPF, personale full time:
Martedì 29 Ottobre 2013 dalle ore 14.45 alle 17.00, presso il Cinema Galliera, via Matteotti 25 Bologna

ABI disdetta-Clicca per leggere il volantino

Verso lo sciopero del 31 Ottobre

La ricetta di ABI per uscire dalla crisi del settore del credito ne ribalta il peso esclusivamente  sulla vita dei  Lavoratori e delle Lavoratrici: siamo anziani, poco flessibili, poco formati, troppo pagati, eccessivamente tutelati, indisponibili al cambiamento ma soprattutto tanti, troppi, molti, in più…! Nessun riferimento agli sfrontati compensi che vengono elargiti alla classe manageriale delle Banche!

La disdetta del contratto da parte di ABI rappresenta un attacco senza precedenti al mondo del lavoro del credito: dobbiamo rispedire al mittente la minaccia!

Clicca qui per leggere il volantino

ISPF Riorganizzazione: dopo tre mesi ancora troppi dubbi!

Immagine volantino Luglio

Più che troppi troppo pochi: esuberi che  lavorano molto e guai se non ci fossero, malgrado quella  logica della riduzione dei costi che non da valore al LAVORO

Trasferimenti bloccati perchè le persone sono ancora indispensabili “al momento” o  perchè si deve ancora definire il da farsi. 

Part time e solidarietà difensiva volontaria: si firmano accordi in Capogruppo ma in ISPF  verranno concessi? 

Dopo tre mesi le attività del captive e quelle dell’ extracaptive sono ancora separate, come le persone: due società in una!

E ancora disorganizzazione, mancanza di presidio e di strategie.

A queste domande chiediamo delle risposte!

Clicca qui per leggere Riorganizzazione: dopo tre mesi ancora troppi dubbi! 

ISPF PREMIARE O DIVIDERE?

Siamo in tempi in cui per l’Azienda la logica degli esuberi sembra essere l’unica modalità per realizzare il taglio dei costi, solo che a farne le spese sono sempre i lavoratori e le lavoratrici: si lavora troppo e si lavora male! 
Si fanno bei progetti formativi finanziati per accompagnare il cambiamento e l’integrazione, per creare una nuova identità societaria  e poi manca la  coerenza nella quotidianità lavorativa e prevalgono le modalità inique di un ciclo premiante che accentua le divisioni ma non genera maggiore produttività.

Area Emilia: adesione completa e totale allo sciopero del 2 luglio

ADESIONE SCIOPERO AREA EMILIAI Lavoratori del Gruppo Intesa Sanpaolo dell’Area Emilia, così come i loro colleghi del territorio nazionale hanno risposto in maniera chiara, netta e inequivocabile alle posizioni espresse dall’Azienda e, con una risposta compatta, unita e solidale hanno dimostrato che le ragioni dello sciopero sono di importanza fondamentale per garantire un futuro vero ai Lavoratori di questo Gruppo e alle future generazioni.
A Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Ferrara l’adesione allo sciopero ha raggiunto percentuali di assoluto rilievo tali da oltrepassare addirittura il dato nazionale, di per sé di elevatissimo valore, anche sul piano politico.
I Lavoratori hanno capito perfettamente quale sia la posta in gioco e come adeguare da oggi in avanti il tenore della risposta, unitaria e compatta ad ogni livello.

Moneta – Incontro informativo annuale

Lunedì 14 novembre 2011 si è tenuto l’incontro informativo annuale relativo all’anno 2010 con l’Azienda. All’incontro erano presenti il Responsabile del Servizio Risorse Ettore Martini, la Responsabile dell’Ufficio Personale Antonella Marascio, il DC PO RELAZIONI SINDACALI Giulio Santini e, nella fase iniziale, è intervenuto anche l’ AD Palazzolo.

Riepiloghiamo i temi salienti emersi dal nostro incontro:

  • profilo strutturale e prospettive strategiche;
  • verbale di accordo relativo alla pianificazione dell’orario di lavoro dell’ufficio recupero crediti;
  • part-time…

CLICK QUI PER I DETTAGLI