CASSA DI PREVIDENZA SANPAOLO

Nell’incontro di oggi si è ripreso l’approfondimento del progetto di integrazione dei fondi a “prestazione definita” del Gruppo, a partire dalla Cassa di Previdenza Sanpaolo. L’ipotesi di lavoro prevederebbe un’offerta individuale di capitalizzazione della propria prestazione integrativa della Cassa di Previdenza. L’adesione all’offerta di capitalizzazione da parte degli iscritti in servizio e pensionati potrà avvenire esclusivamente su base volontaria….

CLICK QUI PER I DETTAGLI

 

Print Friendly, PDF & Email

5 pensieri su “CASSA DI PREVIDENZA SANPAOLO”

  1. sul comunicato si legge che in caso di adesione all’offerta di capitalizzazione il montante verrà conferito al Fondo pensione di Gruppo a contribuzione definita, senza alcuna penalizzazione né tassazione. Ma non potrebbe essere data l’alternativa di richiedere l’accredito sul conto corrente pur con tassazione? Grazie.

    1. L’erogazione in contanti, al dil à della pesantissima penalizzazione fiscale, comporterebbe una serie di questioni di fattibilità da approfondire, trattandosi di una trasformazione individuale in capitalizzazione di un fondo a prestazione definita, fondo che peraltro non viene completamente liquidato. Ogni apprfondimento verrà fatto nel corso degli incontri che porteranno al varo della proposta definitiva.
      Tieni comunque conto che è comunque sempre possibile ottenere una liquidazione anticipata di parte del capitale del proprio fondo pensioni a contribuzione definita (quello dove sarà versata la propria quota di derivazione della Cassa) alle regole previste per tali anticipazioni.

  2. Alcune domande:
    * L’ aspettativa di vita secondo quale tabella viene calcolata e con quale specifica di durata ?
    * Il trasferimento della quota capitale di Intesa Sanpaolo corrispondente alle riserve di bilancio attualmente a quanto ammonta (rispetto all’impegno di 792/Mil ?
    * Qualora non si opti per la liquidazione della capitalizzazione individuale la Fidejussione a garanzia della prestazione è sempre di Intesa Sanpaolo ? E per quale importo massimo permarrebbe l’impegno ?
    Un auspicio :
    * Gradirei che vi esprimeste in modo più diretto sui punti di forza e debolezza della proposta esprimendo un Vostro parere a riguardo.
    Grazie

    1. 1) Le tabelle sono quelle utilizate dalla Cassa per il calcolo delle proprie prestazioni ai suoi aderenti e sono dettagliate nel Bilancio Tecnico della Cassa. Nello specifico si tratta delle Tabelle ISTAT sulla mortalità nazionale rifeite al 2014.
      2) Come specificato nel volantino il capitale della Cassa è costituito da 988 milioni di mezzi propri più 792 milioni di garanzia di Intesa Sanpaolo (la fidejussione). Il capitale che verrà ripartito (ovviamente pro quota sulla base degli aderenti alla proposta) ammonta all’intera somma di 1.780 milioni.
      3) Anche questo è specificato nel volantino: chi non aderirà alla proposta manterrà invariate le propie condizioni, compresa la propria garanzia fidejussoria individuale a completa e totale garanzia delle proprie prestazioni individuali per come specificate nello Statuto della Cassa.
      4) Posto che siamo ancora in una fase preliminare, i punti di forza di questa proposta sono nell’assoluta volontarietà, nella completa chiarezza della cifra individuale che si ottiene aderendovi, nella certezza che non aderendovi si mantengono del tutto inalterate le prerogative e le prestazioni esistenti. Sulla base di queste considerazioni oggettive, è del tutto evidente che la convenienza di aderire o meno a questa proposta si basa su criteri esclusivamente soggettivi e individuali (ad esempio la valutazione sulle prospettive di rendimento del Fondo Pensioni rispetto alla prestazione della Cassa, oppure la propria propensione ad una liquidazione in capitale che è possibile con il Fondo Pensioni e non con la Cassa, o altre valutazioni ancora) rispetto ai quali è molto difficile fare valutazioni “esterne” e – soprattutto – collettive. Quando la proposta sarà definita compiutamente, saremo a disposizione, per chi lo desidera, per un confronto individuale sulle singole e diversificate situazioni concrete.

      1. Chi ha un coniuge più giovane può contare allo stato sulla pensione di reversibilità per il coniuge superstite. La proposta di liquidazione per i quiescenti terrà conto di questo o no? Grazie

I commenti sono chiusi.