Approfondimento tecnico sugli esodi, perimetro ex Gruppi Popolare Vicenza e Veneto Banca

Vi mettiamo a disposizione un approfondimento tecnico sulle modalità applicative dell’accordo che in questa fase riguarda esclusivamente i lavoratori degli ex Gruppi Popolare Vicenza e Veneto Banca.

La FISAC/CGIL si sta organizzando sui vari territori per rispondere ai quesiti dei colleghi e per predisporre i conteggi dell’assegno di sostegno al reddito.

A partire dai prossimi giorni potrete rivolgervi ai vostri rappresentanti sindacali di riferimento, per ottenere tutte le risposte che consentiranno una scelta consapevole entro il 18 settembre.

CLICK QUI PER L’APPROFONDIMENTO

Print Friendly, PDF & Email

6 pensieri su “Approfondimento tecnico sugli esodi, perimetro ex Gruppi Popolare Vicenza e Veneto Banca”

  1. Anche se non del tutto, ora è un po’ più chiaro l’accordo.
    Quelli che non sono ancora del tutto chiari sono i seguenti punti:
    1) Fondo pensione integrativo: è chiaro che in caso di adesione al fondo di solidarietà il lavoratore ha la facoltà di poter riscattare tutta la posizione (anche se con 2 modalità diverse); quello che non è chiaro è che se io rimango 4 anni nel fondo la banca mi versa anticipandomeli i 4 anni di contribuzione a suo carico ?
    2) questo meccanismo non è stato spiegato neanche in questo aggiornamento e sarebbe bene chiarirlo in modo semplice e lineare;
    3) perché parlate di trattamento previdenziale migliorativo, ( e non di Assenza di trattamento ……) , con le conseguenti 4 mensilità per i QD ? Cosa vuol dire ? La differenza tra presenza e assenza comporta l’erogazione di 4 o 6 mensilità.
    Grazie mille.

    1. Non è prevista alcun versamento durante il periodo di permanenza nel Fondo di Solidarietà, ne erogazione anticipata, dei contributi a carico dell’azienda ai Fondi pensione.
      Per quanto riguarda il pensionamento anticipato, nel nostro approfondimento abbiamo inserito quelle previsioni in quanto ci risulterebbe che i colleghi siano iscritti a fondo previdenziali integrativi/complementari; qualora così non fosse scattano gli importi della colonna della tabella del CCNL “Assenza di trattamento di previdenza migliorativo” (quindi fino a 6 mensilità per QD, 4 per AP, ecc)

  2. SE UNO DECIDESSE DI RIMANERE ALRI 3 ANNI E QUINDI LASCIARE IL SERVIZIO DOPO 43 ANNI, AVREBBE ANCORA DIRITTO DEL RAL LORDO DEL 75% DELLO STIPENDIO?
    ALBERTO.

  3. buongiorno, nel caso di permanenza nel esodo per 3 anni ritirando li fondo pensione al secondo anno, pagando quindi le tasse,diventa possibile recuperare le spese di ristrutturazione ?
    grazie

    1. Non è il momento in cui si ritira (più correttamente si riscatta) il proprio Fondo Pensione Integrativo a determinare la deducibilità fiscaledelel proprie spese. E’ invece il fatto di avere o non avere un reddito ai fini fiscali. E per tutto il periodo in cui si è a carico del Fondo Esuberi (più correttamente Fondo di Sostegno al Reddito) NOn si è percettori di reddito ai fini fiscali.

Commenta